Crea sito

Comunicato su crisi Giunta e richiesta dibattito

Ottobre 15, 2015 Politica

LA CRISI DELLA GIUNTA MARINO VA RIPORTATA ALLA LUCE DEL SOLE, DENTRO LE AULE DELLE ISTITUZIONI RAPPRESENTATIVE.

“Ormai da diverso tempo a Roma stanno accadendo cose assai gravi”. Lo afferma Maurizio Battisti coordinatore della Comunità Territoriale del VII Municipio. “L’estensione annosa e pervicace della corruzione e del malaffare a livelli anche istituzionali politico-amministrativi – prosegue Battisti – è stata scoperchiata dall’inchiesta della Procura ‘Mafia capitale’. Oggi si aggiunge, con le dimissioni del Sindaco Marino, una crisi nata su questioni, come gli scontrini su spese di rappresentanza del Sindaco, la cui veridicità non è ancora ben chiara e accertata. Se lo fosse configurerebbero certamente un comportamento censurabile.

Non si sfugge all’impressione, però, che gli “scontrini” stiano coprendo uno scontro politico dai lati oscuri e non chiari, al cui interno si siano saldate motivazioni politiche ineccepibili, in ordine alle capacità amministrative del Sindaco di far funzionare la città, e motivazioni di potere, di piccoli e grandi interessi, di piccole e grandi rendite, che si sono sentite minacciati e che da sempre ostacolano il buon governo della città. Interessi economici e politici che sono stati il brodo di coltura del fenomeno corruttivo e mafioso di “Mafia capitale”.

Come che sia, e proprio perché la città esige chiarezza, – prosegue Battisti – la crisi politica che porta al commissariamento definitivo dell’amministrazione comunale deve uscire dalla penombra degli intrallazzi politici, dei reciproci ricatti e minacce ed essere riportata dentro le Istituzioni elettive e rappresentative. Nell’aula dell’assemblea capitolina e in quelle dei Municipi deve potersi svolgere un dibattito alla luce del sole, che dia a tutti i rappresentanti politici la possibilità di dire la loro e di assumersi per intero tutte le responsabilità in ordine al passato, al presente e al futuro di Roma. Un confronto che dia all’opinione pubblica, alla vasta rete delle realtà partecipative e civiche e a tutti i cittadini il modo di conoscere e capire le cause e le responsabilità della crisi, per poi farsi un giudizio sul come impedire che certi fenomeni e comportamenti corruttivi e delittuosi non abbiano in futuro a ripetersi nel governo della capitale d’Italia. E che dia modo anche di fornire indicazioni sul funzionamento istituzionale dell’Amministrazione in questo frangente.

Spetta al Sindaco e ai Presidenti dei Municipi – conclude il coordinatore Battisti – corrispondere a queste elementari esigenze di trasparenza e chiarezza politica e istituzionale. La Comunità Territoriale del VII Municipio lo chiede fermamente”.